info@aquasain.it

Acquistare Aquasain

Aquasain

Domande sugli addolcitori d'acqua Aquasain

Di seguito è riportato un elenco delle domande più frequenti relative all'addolcitore inibitore del calcare Aquasain.
Se non trovi l'argomento che ti interessa, contattaci.

  • Prima di acquistare
  • Installazione
  • Manutenzione / Funzionamento

Prima di acquistare

1. Come faccio a sapere se l'addolcitore e inibitore del calcare Aquasain è efficace?

La miglior manera di sapere se Aquasain è efficace, è quello di installare un tubo di controllo nella rete di tubazioni e controllare dopo pochi mesi l’esistenza di possibili incrostazioni.

Se non hai questa possibilità, nei luoghi dove l'acqua è talmente dura da creare pruriti alla pelle o capelli rigidi dopo una doccia, il problema scomparirà una volta installato Aquasain. Potrai notare addirittura come la schiuma dei saponi sarà più abbondante.

In ambienti come i bagni, dove anteriormente apparivano frequentemente macchie bianche sui rubinetti e box doccia, avremo ora soltanto piccole macchie sotto forma di ghiaia fine, che si toglie facilmente con un panno umido e senza la necessità di prodotti acidi.

A medio e lungo termine, da un lato, risulterà un aumento della portata dei rubinetti dovuta dalla pulizia interna delle tubazioni e, dall'altro, la caldaia fornirà più calore all'acqua calda. In questo senso, la bolletta energetica della caldaia (elettrica o a gas) verrà progressivamente ridotta fino a raggiungere il funzionamento ottimale.

Se l'installazione ha più di 4 o 5 anni, si potrebbero verificarsi delle apparizioni di piccole pietre durante i primi 6 mesi nel tratto finale dei rubinetti a causa del fatto che l'aragonite sta rimuovendo le vecchie incrostazioni di calcite.

Se si dispone di acqua proveniente da un pozzo con una certa torbidità, si potrà notare una diminuzione di essa, diventando più chiara.

Nella sezione Opinioni è possibile leggere l'esperienza di diversi clienti.

Resistenza prima dell'uso dell'addolcitore Resistenza prima dell'uso dell'addolcitore

Resistenza dopo l'uso dell'addolcitore Resistenza dopo l’uso dell'addolcitore

2. La mia acqua ha molto calcare, Aquasain sarà in grado di risolvere il mio problema?

Sì, la durezza fino a 45ºF o 450 mg/l espressa in CaCO3 è ottimale. Normalmente l'acqua fornita dalle aziende idriche non supera questo valore (altrimenti renderebbe inattiva la propria rete).

Per sapere come funziona l'Aquasain, clicca qui.

3. Quanto cambia la durezza dell'acqua l'addolcitore Aquasain? Se non lo cambia, cosa succede?

L'addolcitore inibitore Aquasain non modifica la durezza dell'acqua perché non rimuove né il Calcio ne il Magnesio. Pertanto la durezza dell'acqua prima e dopo il trattamento sarà la stessa.

In breve, così agisce Aquasain sull'acqua:

  • Genera una certa percentuale di blocco o inibizione nella formazione di calcare. Questa percentuale è molto variabile e dipende da molti fattori (vedi blog "Il ruolo dello zinco nella formazione del calcare”) ma possiamo dire che in media è di un 20-30%.
  • Dell'altra percentuale che si forma, non si verifica in una forma cristallina incrostante corrispondente alla calcite. Il vetro che si forma è di aragonite e non ha capacità di aderire ne ai materiali ne a se stesso, per cui la corrente d'acqua lo trascina verso il basso e lo conduce allo scarico.

Per sapere come funziona l'Aquasain, clicca qui.

4. Quanto dura l'addolcitore inibitore del calcare Aquasain? Cosa devo fare una volta che Aquasain è esaurito?

Il dispositivo è progettato per durare circa 10 anni quando si lavora a flusso continuo. Pertanto, per gli usi residenziali in cui il flusso è discontinuo, si può prevedere una durata compresa tra 15 e 20 anni.

Una volta esaurito l'anodo di Zinco, è necessario acquistare una nuova unità dell'addolcitore Aquasain per sostituirlo.

5. Come faccio a conoscere il diametro di Aquasain di cui ho bisogno?

L'unico modo per scoprirlo è conoscere quale è la punta di flusso richiesta dall'installazione.

Anche se formalmente sarebbe corretto realizzare letture nel contatore nei periodi di maggior consumo, da un punto di vista pratico è sufficiente sapere quanti rubinetti vengono aperti contemporaneamente nel momento di maggior consumo, senza perdere il flusso in nessuno di essi.

Così, con il diametro di ¾" o 22mm, siamo in grado di aprire fino a 4 o 5 rubinetti allo stesso tempo senza perdita di flusso, che è più che sufficiente per una famiglia con fino a 6 membri in una casa con due bagni e un WC.

Diametri maggiori devono essere ben giustificati con letture del contatore superiori a 2,22 m3/h.

Se in qualsiasi momento otterremo un valore relativo all'unità di 1" o 28mm, sarebbe bene valutare la possibilità di installare 2 unità di ¾" o 22mm in parallelo che trattano poco più di 1" di flusso e ottenere cosi’ un prezzo più economico.

parallelo

6. Nella mia casa ho un tubo principale da 1" o 28 mm e la vostra offerta mi consiglia un diametro inferiore, di ¾" o 22 mm, dov'è l'errore?

Come abbiamo spiegato nella domanda precedente, se l'occupazione di una casa non richiede l'apertura di più di 4-5 rubinetti contemporaneamente durante l'ora di punta, il diametro di ¾" o 22mm è sufficiente per tale installazione.

Il motivo per cui un tubo di aspirazione principale è più grande di questo, può essere dovuto a una una previsione futura in cui sarà gradualmente chiuso a causa delle incrostazioni.

Quindi non bisogna avere timore di installare un diametro di ¾" o 22mm se stiamo nelle condizioni espresse sopra.

7. Quanto misurano gli addolcitori inibitori del calcare Aquasain?

La lunghezza dell’addolcitore d’acqua Aquasain di ¾ o 22mm che è quello che si installa normalmente in una casa, è di 20 cm.

Nel caso in cui dove si vada a realizzare l’installazione non avremo una tubazione di rame si 22mm, avremo bisogno di collocare dei connettori per poter aggiustare certe filettature con le altre. In quest’ultimo caso, la lunghezza è di circa 22,5cm.

Lo spessore è leggermente maggiore del tubo in cui è installato e il suo peso non supera gli 800 grammi.

Aquasain

Puoi vedere le foto delle installazioni nella nostra galleria.

8. È pericoloso bere acqua con Zinco?

No, assolutamente. Nessuna legislazione europea limita la quantità di Zinco nell'acqua. Solo nelle Raccomandazioni dell'Organizzazione Mondiale della Sanità e del Ministero della Protezione Ambientale degli Stati Uniti è indicato un limite di circa 4 mg/l di ordine estetico. Vale a dire, si avverte solo in termini di gusto e odore, ma non è obbligatorio rispettarlo.

L'addolcitore Aquasain è in grado di sciogliere un massimo di 0,01 mg/l in acqua, cioè 400 volte meno Zinco per raggiungere questi limiti estetici.

Basti vedere il confronto nel quale un'unica compressa dell'integratore alimentare Supradyn di Bayer, contiene 10 mg di Zinco.”

Per saperne di più vai alla nostra pagina "Più sano”.

9. La mia caldaia e le mie tubature hanno già del calcare, cosa posso fare?

La risposta migliore può essere data da un professionista che ispezioni l'installazione. Ma se ci troviamo di fronte al caso di una rete idrica con meno di 5 anni, possiamo aspettarci una pulizia completa da parte dell'addolcitore e inibitore Aquasain.

Se l'impianto ha più di 5 anni, il trattamento sarà sempre vantaggioso e aumenterà sia il diametro delle tubazioni, sia l'efficienza della caldaia.

Questo effetto pulente è dovuto al fatto che i cristalli di aragonite sono a forma di ago e spazzolano i cristalli di calcite per un periodo di 6 mesi.

Di seguito riportiamo il risultato del passaggio dell'acqua trattata con l'addolcitore inibitore del calcare Aquasain attraverso un tubo di circa 5 anni che va da 200mm a 270mm in circa 6 mesi, ovvero un aumento dell' 82% della superficie.

Prima e dopo

10. Con che tipo di acqua funziona correttamente Aquasain? Cosa succede se l'acqua che voglio trattare ha una durezza di oltre 45º francesi?

Aquasain funziona in modo ottimale con qualsiasi tipo di acqua che soddisfi i requisiti di acqua potabile di qualsiasi standard europeo o dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, a condizione che sia meno di 45º francesi.

Otterremo sempre buoni risultati nella nostra installazione per quel limite di durezza perché avremo un corretto rapporto tra la quantità di Zinco che il dispositivo è in grado di sciogliere e il contenuto di Calcio presente nell'acqua.

Se avessimo una durezza dell'acqua superiore a quella sopra indicata, una possibile soluzione per continuare ad avere un buon risultato è quella di utilizzare in serie un'altra unità di Aquasain, cioè una dopo l'altra, in modo che si sciolga il doppio di Zinco e di conseguenza si possa trattare fino al doppio di durezza.

La raccomandazione sull'installazione in questo caso è quella di provare ad allineare il più possibile le unità, ed evitare sempre di creare gomiti, come dimostrato nelle due foto.

Tuberias 1

Tuberias 2

11. Posso ancora utilizzare il mio depuratore d'acqua?

Sì, perché si tratta di un trattamento complementare. Come si dice in un'altra sezione di questa pagina con questi sistemi di filtraggio a carbone attivo o osmosi inversa si ottiene la rimozione di grandi quantità di minerali, cloruri e altri composti, dando all'acqua un sapore più puro.

Ricordate che il posto più adatto per posizionare questi depuratori è prima del rubinetto, poiché, se si installino più lontano, si potrebbe perdere l'effetto disinfettante del cloro.

Da Aquasain si consiglia di non fare ulteriori trattamenti all’acqua se questa non ha un cattivo sapore, evitando costi aggiuntivi. Il motivo sta nel fatto che l'acqua fornita da un'azienda è monitorata e controllata dal punto di vista sanitario, quindi è sicura al 100%.

Tuttavia, se l'acqua che ci forniscono ha un cattivo sapore, consigliamo l'uso di filtri a carboni attivi, dato che è un'opzione più economica e salutare dell'osmosi inversa, che, per funzionare correttamente, richiede professionisti specializzati che eseguono continuamente la manutenzione.

12. Quanto tempo impiega l’azienda di trasporti a consegnare il prodotto? Sarò in grado di sapere dove si trova la mercanzia in ogni momento?

Dal momento in cui Aquasain riceve la conferma di pagamento, inizia il tramite per la spedizione, in modo da essere messa a disposizione dell'azienda di trasporto il giorno successivo. Il servizio contrattato è di 48 ore per tutta l'Europa continentale, quindi raggiungerà il cliente nei due giorni lavorativi successivi.

Dall'inizio della procedura, il cliente riceverà un numero di tracking del pacco e sarà in grado di sapere dove si trova in ogni momento.

Installazione

1. Come si installa l'addolcitore inibitore di calcare Aquasain?

Poiché l'addolcitore Aquasain funziona sciogliendo piccole quantità di Zinco nell'acqua, è necessario fare attenzione che ciò avvenga in modo affidabile. A tal fine, devono essere soddisfatti due requisiti:

- La prima è la distanza dall'apparecchio, affinché lo Zinco si mescoli bene nell'acqua. Nel caso del diametro di 22mm o ¾" si parla di 2m (vedi tabella per gli altri diametri). Questo parametro è importante da rispettare in relazione alla caldaia e se fosse necessario si dovrebbe formare una "U" per generare questa lunghezza, come si può vedere nella foto seguente:

Installazione dell'addolcitore d'acqua Aquasain

- Il secondo è quello di evitare la corrosione. Il dispositivo viene sempre fornito con un set di connettori in ottone anti corrosione che, una volta installati, ne garantiscono il funzionamento dell'apparato a medio e lungo termine. Se i collegamenti sono effettuati con tubi in acciaio zincato, l'installazione di questo kit sarà obbligatoria, altrimenti il dispositivo si deteriorerà a medio e lungo termine.

2. Se Aquasain non realizza l'installazione, è necessario un idraulico? Quanto può costare?

Aquasain vende solo il materiale e fornisce consulenza prima, durante e dopo l'installazione. Si raccomanda che l'installazione sia effettuata da un idraulico.

Per realizzare l'installazione è sufficiente un solo professionista e non dovrebbe superare le due ore di lavoro, quindi potrebbe costare circa 100 € in media.

3. Dove devo installare l'addolcitore inibitore del calcare Aquasain?

Se possibile subito dopo il contatore, in questo modo possiamo trattare tutte le canalizzazioni della casa e ottenere rapidamente la lunghezza di 2m (nel caso dell'addolcitore da ¾") necessaria per il corretto trattamento dell'acqua.

4. È necessario un filtro prima dell'addolcitore? E dopo?

Se l'acqua è potabile, fornita da un'azienda idrica, non è necessario alcun filtro. Questo perché la torbidità è controllata e inferiore a 1 NTU.

Ma se l'acqua proviene da un pozzo e contiene impurità e sedimenti e la sua torbidità è superiore a 1 NTU è obbligatorio installare un pre filtro da 50 micron.

Per quanto riguarda il vantaggio di posizionare un filtro per sedimenti dopo Aquasain, va detto che non ha molto senso dal punto di vista pratico.

L'aragonite che normalmente si può formare apparirà dopo il riscaldamento dell'acqua (come nelle caldaie o negli elettrodomestici) e, come abbiamo accennato prima, potranno verificarsi due casi: che l'acqua segua il suo corso o che sia stagnante. Nel primo caso avremo aragonite che andrà in uno scarico e nel secondo caso verrà eseguita una manutenzione in modo che dopo un certo tempo (2 o 3 anni) vengano eseguiti dei lavori di rimozione di questa sabbia.

5. In quale posizione si installa, verticalmente o orizzontalmente? In che senso si colloca, è simmetrica?

La posizione d’installazione è indifferente, può essere verticale o orizzontale.

Per quanto riguarda la direzione di installazione, va detto che la costruzione è simmetrica, quindi non importa in quale direzione viene collocato.

6. Ho un serbatoio d'acqua, dove posso installare Aquasain, prima o dopo?

In linea di principio prima del serbatoio, per la ragione che quest'ultima funzioni da riserva durante i picchi di consumo, in modo che il riempimento si verifichi normalmente con una portata inferiore alla portata della punta di uscita.

Quindi, se ci assicuriamo delle circostanze trattate precedentemente, possiamo fare un investimento più conveniente, poiché avremo un diametro più piccolo e quindi meno costoso rispetto a se lo avessimo messo all'uscita del deposito.

Grafico

Quanto detto prima è valido solo se sono soddisfatte due condizioni. Il primo è garantire che l'acqua non passi attraverso il serbatoio per più di 72 ore, dato che, dopo quel momento lo Zinco scompare. Il secondo è che questo serbatoio non stia all'aperto, per non ricevere i raggi solari e quindi avere temperature elevate che ne favoriscano l'evaporazione.

7. Ho delle tubature di plastica, posso installare Aquasain?

Sì.

Bisogna fare attenzione soltanto all’unione di certi materiali con altri. Dato che Aauasain 22mm é pensato per filettare in tubature di rame di 22mm, avremo bisogno di collocare i connettori di ottone che vengono forniti e cosí facilitare l’unione di alcune filettature con altre.

Per qualsiasi domanda vai alla nostra página de di installazione.

8. Aquasain può essere messo sotto terra? Aquasain può essere installato all'aperto?

No, non può rimanere a contatto con il suolo. Non ci sono problemi con l'installazione all'esterno, in quanto il processo elettrolitico all'interno dell'addolcitore è indipendente dalla temperatura, anche se è sempre preferibile che rimanga all'interno di un edificio.

In questi casi è necessario conservare il materiale in un locale sufficientemente ventilato.

9. L'addolcitore che ho acquistato ha un diametro inferiore rispetto alle mie tubauture, cosa devo fare?

Se ci troviamo nel caso di un collegamento da ¾" a 1" in linea di principio non è necessario fare nulla.

Tuttavia, se abbiamo un diametro maggiore di 1", sarebbe necessario fare una sezione di transizione di 1m di lunghezza in cui si possa inserire un diametro intermedio.

10. Aquasain può essere collocato dopo una caldaia o in una tubazione dove l'acqua è già calda?

La risposta è no e la ragione è che una volta che l'acqua è riscaldata, si formerà già della calcite, quindi, se si scioglie lo Zinco, poco sarà l'effetto generato in termini di inibizione e la trasformazione di questi cristalli in aragonite.

11. Vivo in campagna e ho l'acqua di un pozzo, dove posso mettere il dispositivo?

Come sempre la raccomandazione è: tanto prima meglio sarà. Tuttavia, non è consigliabile posizionare il gruppo da ¾" all'uscita della pompa del pozzetto, sapendo che normalmente si esce con 1" o più.

Ciò potrebbe soffocare la pompa e causare qualche tipo di malfunzionamento.

Pertanto, l'idea migliore è quella di valutare l'intera installazione e studiare la posizione che tratti il maggior numero di contatori senza influenzare il funzionamento della pompa.

Vi consigliamo di leggere nel nostro Blog le nostre Raccomandazioni per il trattamento dell'acqua di pozzo.

12. Dove voglio installare Aquasain ho, da un lato rame/metallo e dall'altro, plastica, cosa devo fare?

In caso di dubbi durante l'installazione di Aquasain, posizionare sempre i connettori in ottone, in modo da proteggere il materiale da eventuali corrosioni.

13. L'addolcitore che ho ricevuto ha una vite al suo interno e sembra avere un po' di ruggine, va bene?

Sì, senza dubbio. La vite è una parte fondamentale del meccanismo in quanto mette l'anodo a contatto con il catodo.

Poiché tutte le unità sono sottoposte a test di pressione a 30 bar prima di essere vendute, alcune tracce di ruggine possono essere visibili sulla superficie interna. Il materiale non è mai stato utilizzato prima e non perderà mai le sue prestazioni previste una volta installato.

Vite

Manutenzione / funzionamento

1. Gli inibitori del calcare Aquasain hanno bisogno di manutenzione?

No, non ha manutenzione. Non ha bisogno di sale, elettricità, magneti o qualsiasi altra cosa si possa pensare.

Solo se dopo un lungo periodo (più di 2 o 3 anni) si verifica una mancanza di prestazioni, sarà probabilmente dovuto a delle incrostazioni dell'anodo di Zinco. In questi casi è necessario smontare l'unità e lasciarla in bagno nell'aceto per 2 o 3 ore, quindi installarla di nuovo.

2. Ci sono consigli sulla manutenzione per l'installazione dentro casa nostra?

Sì.

Per quanto riguarda l'impianto idraulico in generale abbiamo le seguenti raccomandazioni, tutte relative all'acqua calda:

1. Se la nostra caldaia è del tipo ad accumulatore elettrico, è necessario pulire l'interno ogni 2-3 anni, poiché col tempo una parte dell'aragonite rimarrà intrappolata prima di uscire. Questo significa che quando l'accumulatore viene aperto, potremo facilmente rimuovere questi granelli e la nostra resistenza sarà intatta e non sarà necessario sostituirla. Ciò vale anche per gli accumulatori di pannelli solari.

2. Se abbiamo pannelli solari di tipo diverso dal termosifone (come nel caso precedente) si consiglia di far scorrere l'acqua, ogni 1 o 2 anni, in direzione opposta a quella normale e che si aprano gli scarichi inferiori per lavare eventuali depositi di aragonite.

Qui vi mostriamo la pulizia di un accumulatore elettrico dopo 4 anni. Come si può vedere la resistenza è completamente pulita e basta rimuovere i cristalli di aragonite sciolti. Anche nei rubinetti possiamo rimuovere i depositi con un semplice spazzolino da denti.

3. Quanto dura l'effetto degli addolcitori d'acqua Aquasain nell'acqua accumulata?

Diversi test hanno dimostrato che le caratteristiche dell'acqua immagazzinata, una volta trattata, durano almeno 72 ore.

Si tratta quindi di un sistema completamente valido quando si tratta di immagazzinare o trasportare acqua o una grande rete di oleodotti su lunghe distanze.

4. I bicchieri della lavastoviglie appaiono bianchi, cosa è successo?

Può accadere che i cristalli di aragonite depositati nei bicchiere non siano stati trascinati dalla corrente, mostrando cosi una pellicola bianca molto sottile che viene rimossa con un semplice panno.

Il motivo può essere dovuto a due fattori: il primo è la scarsa qualità del detersivo e il secondo è l'eccessiva durezza dell'acqua (oltre i 45°F).

Per risolvere il problema proponiamo diverse misure:

1. Cambiare la marca delle compresse. Si consiglia Fairy o Calgonit. La maggior parte dei casi è stata risolta in questa fase.

2. Se non ci sono cambiamenti, si consiglia di aggiungere brillantante alla lavastoviglie, anche se di marche differenti alle precedenti.

3. Se non otteniamo risultati soddisfacenti, dobbiamo usare l'apparecchio a scambio ionico che si trova normalmente nelle lavastoviglie in uso e aggiungere sale. Prima di ciò, la macchina deve essere programmata in modo da indicare la durezza dell'acqua con cui lavora.

5. Da quando ho installato Aquasain, appaiono diverse piccole pietre sui rubinetti, cosa sta succedendo?

Accade che i nuovi cristalli di Aragonite stanno spazzolando via i vecchi intarsi di calcite. Poco a poco la calcite viene rilasciata con granelli di dimensioni maggiori o minori.

Questo processo di pulizia dura circa 6 mesi, dopodiché il diametro dei tubi si stabilizza. Pertanto, molti dei rubinetti, soprattutto quelli con acqua calda, forniranno più acqua di prima.

Allo stesso modo, dopo qualche mese, se abbiamo delle griglie nei rubinetti o nei fori delle docce molto piccole, potrebbero essere tappate dall'effetto dell' aragonite.

L'aragonite è una polvere fine, fragile, che non si attacca, quindi la soluzione è facile: usare uno spazzolino da denti o agitare bene la griglia, senza l'uso di sostanze chimiche.

Un caso unico che può accadere è che alcuni rubinetti ci diano meno acqua di prima. Il motivo non è altro che le piccole pietre che sono state strappate, sono rimaste “intrappolate” in certi punti come i gomiti, e di conseguenza fluisce meno acqua. L'unica soluzione è aspettare che l'aragonite continui a sciogliere le calcite per farla uscire cosi per permettere all'acqua di scorrere liberamente.

Se questo non avviene, può essere necessario prendere in considerazione un'ulteriore pulizia con acido perché la quantità di calcite nelle tubature è grande ed è meglio rimuoverla.

6. È nocivo bere acqua con calcare? Cosa succede se bevo acqua con aragonite o calcite?

Normalmente quando beviamo acqua dal rubinetto a temperatura ambiente il Calcio non è "precipitato", cioè non si è combinato con i Bicarbonati, quindi sarà in uno stato solubile e il corpo lo assimilerà senza problemi. Il calcare si forma normalmente quando si riscalda l'acqua, ad esempio nella caldaia.

L'acqua potabile con Calcio non rappresenta alcun pericolo per la salute. Tanto che nessuna legislazione limita la quantità di Calcio che può essere presente nell' acqua ed è spesso un parametro che non viene analizzato dal punto di vista della potabilità perché non importa in che quantità si trovi.

Potete leggerlo nel nostro Aquablog: Cosa pensa l'Organizzazione Mondiale della Sanità dell'acqua dura potabile.

Se parliamo del caso improbabile di acqua potabile con Carbonato di Calcio o calcare, sia sotto forma di calcite o aragonite, non succede nulla, in quanto si tratta di forme insolubili che non interesseranno al nostro organismo.

7. Come faccio a sapere se la mia acqua è dura o, quanto è dura?

Il modo migliore per scoprirlo è chiedere all'azienda idrica, poiché sono i migliori conoscitori del prodotto. Anche se sono tenuti per legge a controllare regolarmente l'acqua che forniscono, non vi è alcun limite legale al contenuto di Calcio e a questo proposito non possono essere in grado di dire quanto è incrostante l’acqua.

Un altro modo è quello di prelevare un campione da un laboratorio indipendente per un costo di circa 40€.

In entrambi i casi, se siete in grado di rispondere positivamente a una qualsiasi di queste tre domande, probabilmente vivete in un luogo con acqua dura:

- Le griglie dei rubinetti o delle docce si ricoprono o tappano frequentemente di calcare?

- I rubinetti dell'acqua calda producono meno acqua rispetto ai rubinetti dell'acqua fredda?

- I vostri apparecchi, come caldaie/accumulatori, lavastoviglie, lavatrici o quelli utilizzati per bollire l'acqua, hanno depositi di calcare o si rompono facilmente?

8. Posso installare Aquasain se ho già installato un inibitore di calcare tipo polifosfato o fosfato di silice?

Sì, a condizione che sia collocato prima del dispenser di polifosfati o silico-fosfati (maggiore è la distanza meglio sarà, almeno di 1m). Il motivo è che, al contrario, i fosfati possono precipitare sull'anodo di Zinco e impedirne il corretto funzionamento.

9. La qualità dell'acqua influisce sull'impianto di riscaldamento della caldaia?

Sì, naturalmente.

In particolare quello che deriva da un disincrostante per scambio ionico di calcare, poiché se abbiamo un contenuto relativamente elevato di cloruri, non ci sarà molto impedimento per attaccare i metalli e accelerarne la corrosione. In questi casi è importante calibrare la durezza dell'acqua che alimenta questo circuito.

Tuttavia, l'acqua trattata con l'inibitore Aquasain può essere utilizzata sia per il riscaldamento centralizzato sia in qualsiasi ambiente domestico.

10. Che cos'è la corrosione?

Si tratta di una reazione elettrochimica in cui vengono trasferiti gli elettroni. Se la corrosione progredisce può portare a rovinare il materiale e nel processo, essere un habitat per i microrganismi. Affinché si verifichi la reazione ci deve essere:

- Un Elettrolito, liquido che conduce elettricità.

- Un Anodo, metallo che sprigiona elettroni e si ossida.

- Catodo, metallo che riceve elettroni e si riduce.

Con questi tre elementi abbiamo quella che viene chiamata una batteria o una cella galvanica. Nel momento in cui uno di essi non è presente, la reazione non avviene. Tuttavia, in un mezzo acquoso con pH acido, la corrosione può verificarsi per attacco diretto sul metallo, ossidazione e senza l'esatta formazione della coppia galvanica. La spiegazione sta nel materiale stesso, cioè le sue impurità o le differenze di tensione, che generano anodi e catodi. La corrosione è favorita dalle alte temperature.

Pertanto, in luoghi con pH acido e temperature elevate c'è un rischio molto elevato di corrosione.

Un tipo molto importante di corrosione è la corrosione galvanica, che si verifica quando due diversi metalli o leghe sono uniti direttamente e un elettrolita, nel nostro caso l'acqua, scorre attraverso di essa. In base alla sua posizione elettrochimica uno sarà l'anodo e l'altro il catodo.Possiamo, quindi, fornire il seguente elenco di materiali normalmente utilizzati come materiali nella distribuzione dell'acqua: Manganese, Zinco, Alluminio, Acciaio o Ferro, Piombo, Stagno, Ottone, Rame e Bronzo. Quanto più distanti siano, tanto maggiore sarà la corrosione.

11. In che modo Aquasain protegge il mio impianto dalla corrosione?

Lo fa in due modi:

La prima consiste nel rivestire il metallo con un sottile pellicola biancastra. Questo avviene al primo passaggio in tubi nuovi o quando il metallo viene scoperto sotto le incrostazioni dopo la pulizia per i primi sei mesi.

Questo film sigilla in gran parte i metalli di cui sono composti i tubi e le caldaie, proteggendoli così dall'attacco dell'ossigeno e prevenendo l'ossidazione.

Il secondo modo è quello di lavorare come anodo sacrificale. Ciò significa che se l'intera installazione metallica ha un collegamento elettrico continuo con l'addolcitore, tutte le correnti che si formano saranno attratte dall'anodo di Zinco in modo che sarà l'anodo a ossidarsi e non il tubo di Rame o l'Acciaio zincato stesso.

Qui di seguito vi mostriamo la differenza nell'acqua di pulizia che esce da un pannello solare non trattato e uno trattato. Come si può vedere alla fine, l'acqua esce completamente pulita poiché i tubi non sono più attaccati dalla corrosione.

Questo sito web utilizza cookies per migliorare la navigazione. Accetta Maggiori informazioni